Il Maggiordomo Aziendale: come può migliorare la produzione in azienda

Leggi questo articolo per conoscere il maggiordomo aziendale, chi è, come opera e, soprattutto, come migliora l’ambiente lavorativo.

Ciao,

sono Ernesto De Petra, fondatore di Farwel, la prima società specializzata nel welfare personalizzato.

Secondo voi, nella vita quotidiana di ciascuno, qual’è diventato uno dei fattori di notevole valore ed importanza? Sicuramente il fattore TEMPO!!!

Ne abbiamo sempre di meno, siamo sempre in affanno, troppo coinvolti dal lavoro e dalle più svariate incombenze quotidiane, tanto da non riuscire a dedicare del tempo per noi stessi, per il nostro benessere sia fisico che psichico.

Le conseguenze? Siamo stanchi, nervosi, basta poco per farci prendere dall’ira, pervasi da un costante senso di insoddisfazione per qualsiasi cosa facciamo o dobbiamo fare, siamo stressati e con ripercussioni negative nella nostra vita privata, famigliare e lavorativa.

Lo scopo è quello di trovare un sano ed opportuno equilibrio tra lavoro e vita privata, ovvero una migliore conciliazione tra il tempo che il lavoro richiede unitamente a quello richiesto dalla famiglia e dalle proprie esigenze personali.

Cosa Impossibile? Impossibile no, ma sicuramente non facile!

Certamente un aiuto rilevante ti può derivare dalla collaborazione, addirittura gratuita, da parte di una nuova figura professionale, emergente in ambito soprattutto lavorativo, che corrisponde al ruolo del Maggiordomo Aziendale: chi è costui?

A parte il fatto che potrebbe benissimo essere anche una “costei”, cerchiamo di capire di cosa si tratta e come funziona e, soprattutto, come sia possibile godere dei suoi servigi a titolo gratuito!

Continua a leggere

Un’inchiesta condotta da Edenred conferma gli aspetti negativi del Welfare Aziendale

Leggi questo articolo per scoprire quali sono i punti di forza e soprattutto quelli deboli del Welfare Aziendale.

Ciao,

sono Ernesto De Petra, fondatore di Farwel, la prima società specializzata nel welfare personalizzato.

Quando si parla di Welfare Aziendale s’intende una serie di prestazioni rivolte ai dipendenti ed alle loro famiglie, particolarmente vantaggiose sia per l’azienda che le offre che per il dipendente che le riceve, soprattutto da un punto di vista fiscale, ma non solo.

Una delle motivazioni per la quale ad oggi l’approccio di un’azienda al mondo del welfare è ancora alquanto limitato, oltre ad una scarsa conoscenza della materia, è la convinzione che non sia affatto vero che tale sistema procuri dei vantaggi a qualcuno, o che la cosa possa anche funzionare ma a fronte di chissà quale impegno di risorse umane ed economiche, tanto da non risultare in definitiva conveniente!

Vediamo di analizzare la questione e capire se questi pregiudizi possono essere smentiti o confermati.

 Quali sono i vantaggi per i dipendenti:

E’ ormai assodato che il benessere di un’azienda sia fortemente collegato al benessere dei propri dipendenti. Il welfare aziendale genera le condizioni affinchè il lavoratore sia più sereno, potendo usufruire di una serie di servizi che rispondono ai propri bisogni personali. Un primo vantaggio per i lavoratori è quello di potere scegliere gratuitamente dei servizi che realmente possono migliorare il loro equilibrio tra lavoro e vita privata, procurando loro un generale migliore benessere psico-fisico. Un secondo vantaggio per i dipendenti è rappresentato da un beneficio fiscale: se il sistema welfare previsto è in termini di servizi non è soggetto a tassazione ed il loro controvalore economico, esente dall’applicazione di imposte e contributi, è percepito per intero, aumentando quindi il potere di acquisto di chi ne usufruisce.

L’aumento dei benefici economici e della soddisfazione dei lavoratori, sia personali che familiari, genera conseguentemente un incremento della produttività, oltre che a rafforzare il senso di appartenenza alla propria sede lavorativa.

Continua a leggere

Welfare aziendale: mito o realtà?

Leggi questo articolo per conoscere meglio cos’è il welfare aziendale, come lo si può applicare, quali sono i suoi vantaggi e la differenza tra welfare “industriale” e  “personalizzato”

Ciao,

sono Ernesto De Petra, fondatore di Farwel, la prima società specializzata nel welfare personalizzato.

Sono un ingegnere civile e, dopo 25 anni di attività nel mondo delle costruzioni stradali, civili ed industriali, le vicissitudini della vita mi hanno portato ad aprire, da circa due anni, una nuova attività imprenditoriale a sfondo sociale, ovvero un’agenzia di servizi alla persona grazie alla quale cerchiamo di risolvere tutte quelle questioni della vita quotidiana che coinvolgono, nel bene e nel male, il normale svolgimento della vita famigliare.

In realtà sono da sempre una persona sensibile alle necessità del prossimo, tanto che sono da anni impegnato in attività di volontariato, e questa iniziativa lavorativa ha contribuito a farmi sentire realizzato sia come persona che come lavoratore.

La scoperta, lo studio e l’approfondimento della tematica del welfare aziendale è stata per me una naturale evoluzione di quanto già stessi facendo per le persone qualsiasi, in quanto rivolta ai lavoratori dipendenti, e non solo, che, per prima cosa, sono anch’essi delle persone con “l’aggravante” che sono impegnate dal loro lavoro e quindi fondamentalmente non hanno il tempo o il modo per adempiere a molte delle faccende proprie e famigliari richieste dalla loro vita quotidiana.

Innanzitutto: cos’è il welfare?

Il welfare è un ambito molto complesso ed articolato e proprio per questo è oggetto di diverse interpretazioni, molte delle quali spesso improprie ed inopportune.

Nonostante la politica del welfare sia in vigore in Italia dal 2016, ad oggi le aziende che la adottano sono ancora molto poche. Qual è il motivo? È solo una questione di scarsa conoscenza della materia o gli imprenditori hanno paura di affrontare un argomento comunque molto complesso anche se funzionale ed efficace?

Il mio intento è quello di illustrare il fantastico mondo del welfare in modo semplice e comprensibile, trattando singolarmente i vari aspetti che lo caratterizzano.

Con l’espressione “welfare aziendale” si identificano somme, beni, prestazioni, opere, servizi, corrisposte al dipendente in natura o sotto forma di rimborso spese, aventi finalità di rilevanza sociale ed esclusi, in tutto o in parte, dal reddito di lavoro dipendente.

Continua a leggere